Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page Home page

Elenco c)

Corso Ingegneria Elettronica
Curriculum ELETTRONICA PER LA BIOMEDICA
Orientamento Generale
Anno Accademico 2021/2022

Modulo: Fondamenti chimici per la sensoristica

Corso Ingegneria Elettronica
Curriculum ELETTRONICA PER LA BIOMEDICA
Orientamento Generale
Anno Accademico 2021/2022
Crediti 6
Settore Scientifico Disciplinare CHIM/07
Anno Secondo anno
Unità temporale Primo semestre
Ore aula 48
Attività formativa Attività formative affini ed integrative

Canale unico

Docente ANDREA DONATO
Obiettivi Al termine del corso lo studente matura conoscenze di base per la comprensione e l'utilizzo di sensori e/o trasduttori. In particolare lo studente impara ad affrontare l'argomento da un punto di vista strutturale, enfatizzando gli elementi comuni delle diverse tipologie di sensori e la loro valutazione e caratterizzazione. Gli argomenti sono focalizzati evidenziando l'esigenza di un continuo sviluppo tecnologico, per soddisfare le crescenti richieste del mercato, per la realizzazione di “array” di sensori sempre più specifici e selettivi. L’attività didattica è quindi mirata anche ad illustrare i principi teorici delle nanotecnologie che sono alla base delle moderne tecniche di fabbricazione dei sensori.
Durante il corso sono evidenziate le diverse possibili applicazioni per i sensori:
a) Applicazioni ambientali per il monitoraggio dell’inquinamento;
b) Applicazioni sanitarie e nel campo biomedico (sensori chimici per la salute);
c) Applicazioni nell'industria automobilistica (controllo della miscela aria-carburante, gas di scarico, qualità dell’aria nell’abitacolo, ecc…), alimentare, nell'agricoltura e nelle biotecnologie.
Il corso prevede altresì una piccola parte sperimentale degli argomenti teorici, sarà infatti realizzato in laboratorio un sensore resistivo, attraverso preparazione e deposizione di ossidi metallici semiconduttori, e successiva caratterizzazione elettrica con l’utilizzo di scheda circuitale di Arduino. Questa attività sarà finalizzata per una migliore comprensione dei principi teorici studiati.

Conoscenza e comprensione: a seguito del superamento dell’esame, lo studente acquisisce le nozioni e i principi fondamentali che regolano il funzionamento dei sensori, per le diverse applicazioni.

Capacità di applicare conoscenze: a seguito del superamento dell’esame, lo studente è in grado di analizzare le caratteristiche dei materiali conduttori, semiconduttori, isolanti e dei sistemi elettrochimici.

Autonomia di giudizio: per il superamento dell'esame lo studente deve rispondere autonomamente a domande teoriche, a risposta libera ed è quindi portato a sviluppare autonomia di giudizio sulla completezza e la correttezza delle risposte fornite.

Abilità comunicative: è in grado di illustrare i principi teorici che sono alla base del fenomeno illustrato.

Capacità di apprendimento: a seguito del superamento dell’esame, lo studente è in grado di apprendere in autonomia le problematiche connesse con il fenomeno osservato.

Modalità di accertamento e valutazione:
La modalità di esame e di valutazione consiste:
- in una prova orale, volta ad accertare la comprensione degli aspetti teorici delle problematiche chimico fisiche che regolano il comportamento dei materiali in genere e dei sistemi elettrochimici, voto massimo 30/30.
- Al fine del superamento dell’esame con votazione minima di 18 - 19 è necessario che le conoscenze / competenze possedute dallo studente sui principali argomenti del corso siano almeno ad un livello di nozioni elementari di base, conoscenza di base del linguaggio tecnico, sufficiente capacità interpretativa, sufficiente capacità di applicare le conoscenze di base acquisite;
- E’ attribuito invece un voto compreso fra 20 e 23 quando lo studente possegga conoscenza adeguata degli argomenti ma limitata padronanza degli stessi, soddisfacente proprietà di linguaggio, corretta capacità interpretativa, più che sufficiente capacità di applicare autonomamente le conoscenze per risolvere i problemi proposti;
- E’ attribuito un voto compreso fra 24 – 27 quando lo studente dimostri buona conoscenza degli argomenti con un buon grado di padronanza, buona proprietà di linguaggio, corretta e sicura capacità interpretativa, buona capacità di applicare in modo corretto la maggior parte delle conoscenze per risolvere i problemi proposti;
- E’ attribuito un voto compreso fra 28 – 30 quando lo studente dimostri conoscenza completa e approfondita degli argomenti, ottima proprietà di linguaggio, completa ed efficace capacità interpretativa, in grado di applicare autonomamente le conoscenze per risolvere i problemi proposti;

- E’ attribuita la valutazione di 30 e lode quando lo studente possiede conoscenza completa, approfondita e critica degli argomenti, eccellente proprietà di linguaggio, completa ed originale capacità interpretativa, piena capacità di applicare autonomamente le conoscenze per risolvere i problemi proposti;
- E’ attribuita la valutazione di Insufficiente quando lo studente non possiede una conoscenza accettabile degli argomenti trattati durante il corso.


Programma Aspetti generali sui sensori: definizione e componenti. Materiali e metodi per la produzione di sensori chimici. I nanomateriali per la realizzazione dei sensori. Generalità. I nanomateriali metallici. La sintesi di nanoparticelle metalliche. La funzionalizzazione delle nanoparticelle. Applicazioni di nanoparticelle metalliche nei sensori chimici.
I Nanomateriali di carbonio. Struttura dei CNT. Sintesi di CNT. Reattività chimica e funzionalizzazione
Applicazioni CNTA nei sensori chimici. Le nanofibre di carbonio (CNF). Nanofibre polimeriche e inorganiche. Nanomateriali a semiconduttore. Sintesi e funzionalizzazione.
Sensori chimici basati su dispositivi elettronici a semiconduttore. La Teoria delle bande dei semiconduttori. Transistor ad effetto di campo in metallo-isolante-semiconduttore (MISFET). Sensori di ioni FED e loro applicazioni. Dispositivi elettrolita-isolante-semiconduttore (EIS). Sensori di pH FED. Sonde per gas basate su ISFET pH. ISFET coperti da membrana. Elettrodi di riferimento per sensori ISFET. Sensori di gas FED. Sensori di idrogeno FED. Sensori FED Metal Gate per altri gas. Semiconduttori organici come materiali sensibili al gas. Sensori di gas FED per semiconduttori organici. Meccanismo di risposta dei sensori di gas FED. Sensori di gas basati su diodi Schottky. Transistor ad effetto di campo basati su nanotubi di carbonio.
I sensori di gas resistivi (chemiresistori): Sensori di gas a ossido di metallo a semiconduttore. Il meccanismo di risposta al gas. La risposta all'umidità. La configurazione del sensore. La Sintesi e la deposizione di ossidi metallici. La fabbricazione di chemiresistori a ossido di metallo. La selettività e la sensibilità. I chemiresistori a base di materiali organici. Applicazioni di nanomateriali nei sensori di gas resistivi. Array di sensori di gas resistivi.
Metodi di trasduzione elettrochimica dinamica: Introduzione. Celle elettrochimiche nell'analisi amperometrica. La corrente elettrolitica e il suo significato analitico. Relazioni corrente-concentrazione La curva corrente-potenziale: selezione del potenziale di lavoro. Reazioni elettrochimiche irreversibili. Geometria del processo di diffusione. Elettrodi coperti da membrana. Processi non faradici. Origine delle correnti non faradiche. Il doppio strato elettrico all'interfaccia elettrodo/soluzione. La corrente di carica. Applicazioni della misurazione della capacità nei sensori chimici.
Applicazioni dei sensori chimici:
a) Applicazioni ambientali per il monitoraggio dell’inquinamento;
b) Applicazioni sanitarie e nel campo biomedico (sensori chimici per la salute);
c) Applicazioni nell'industria automobilistica (controllo della miscela aria-carburante, gas di scarico, qualità dell’aria nell’abitacolo, ecc…), alimentare, nell'agricoltura e nelle biotecnologie.
Parte pratica:
Realizzazione pratica di un sensore resistivo, attraverso preparazione e deposizione di ossidi metallici semiconduttori, e successiva caratterizzazione elettrica con l’utilizzo di scheda circuitale di Arduino.
Testi docente - Chemical Sensors and Biosensors: Fundamentals and Applications Florinel-Gabriel Bănică John Wiley & Sons (edition published 2012)
- Materiale didattico distribuito dal docente
Erogazione tradizionale
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Codice insegnamento online pubblicato. Per visualizzarlo, autenticarsi in area riservata.

Modulo: Reti wireless per l'e-health

Corso Ingegneria Elettronica
Curriculum ELETTRONICA PER LA BIOMEDICA
Orientamento Generale
Anno Accademico 2021/2022
Crediti 6
Settore Scientifico Disciplinare ING-INF/03
Anno Secondo anno
Unità temporale Primo semestre
Ore aula 48
Attività formativa Attività formative affini ed integrative

Canale unico

Erogazione 1001480 Reti di accesso Wireless in Ingegneria Informatica e dei sistemi per le Telecomunicazioni LM-27 MOLINARO ANTONELLA, AMADEO MARICA
Docente Antonella MOLINARO
Obiettivi Il corso di Reti di accesso Wireless mira a fornire le conoscenze, tramite lezioni ed esperienze di laboratorio, del funzionamento delle principali reti di accesso wireless. Al termine del corso lo studente avrà acquisito conoscenza delle tecnologie e dei principi di funzionamento e progettazione dei principali standard per reti wireless in area locale (WLAN), personale (WPAN) e delle reti wireless multihop auto-organizzanti (reti ad hoc, reti di sensori, reti mesh).
La parte pratica di laboratorio ha lo scopo di fornire agli studenti gli elementi necessari per simulare realisticamente le reti wireless e i protocolli trattati. Saranno sviluppate sperimentazioni con il simulatore ad eventi-discreti open-source ns-3, specificatamente concepito per uso didattico e di ricerca. Inoltre, sarà analizzata l’implementazione reale in ambiente Linux di alcuni protocolli di rete, attraverso l’uso di strumenti di debug quali Wireshark e Aircrack-ng.

CONOSCENZA E COMPRENSIONE: A seguito del superamento dell’esame, lo studente conosce il funzionamento delle reti wireless WLAN, WPAN e i relativi protocolli standard della famiglia IEEE. Conosce inoltre le peculiarità e i criteri di progettazione e analisi delle reti wireless ad hoc e multihop. Lo studente è capace di riprodurre e valutare le interazioni protocollari per le principali reti wireless attraverso tool simulativi e di debug.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZE: a seguito del superamento dell’esame, lo studente è in grado di analizzare e monitorare le prestazioni delle reti wireless e di definire i diversi aspetti tecnici e le criticità da considerare nelle fasi di progetto e realizzazione delle stesse. Ha inoltre la capacità di valutare le cause di eventuali problemi prestazionali, oltre che stabilire i protocolli wireless ad hoc più adatti al particolare obiettivo progettuale.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO: per il superamento dell'esame, lo studente dovrà sviluppare autonomia nel valutare le funzionalità e le prestazioni di una rete wireless e dei suoi protocolli, giudicando la rispondenza di una certa soluzione ai vincoli e ai requisiti di partenza. Inoltre, lo studente deve sviluppare un elaborato pratico che riproduca il funzionamento di un protocollo o di un ambiente di rete trattato nella parte teorica del corso. Pertanto, lo studente è portato a sviluppare autonomia di giudizio sulla completezza e correttezza degli aspetti teorici acquisiti.

ABILITÀ COMUNICATIVE: il corso e l’esame aiutano lo studente a migliorare la capacità di comunicazione nell’illustrare le motivazioni e i concetti teorici che sono alla base delle principali reti wireless in area locale e personale, sia single-hop che multi-hop, e i criteri di progettazione dei relativi protocolli, oltre che nel descrivere e confrontare le specifiche soluzioni.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: grazie alle conoscenze fornite durante il corso, a seguito del superamento dell’esame, lo studente è in grado di apprendere ed applicare in autonomia i metodi e le tecniche assimilate a scenari applicativi reali ed è in grado di contribuire al miglioramento degli standard protocollari esistenti.

MODALITÀ DI ACCERTAMENTO E VALUTAZIONE: Gli esami di accertamento e di valutazione consistono in:
- una prova orale, finalizzata ad accertare la comprensione delle tecnologie e dei protocolli presentati durante il corso
- una prova progettuale, da svolgere in gruppo, volta ad accertare la capacità di analizzare il comportamento dei protocolli e delle tecnologie presentati durante il corso tramite strumenti sperimentali e di valutarne le prestazioni.

Al fine del superamento dell’esame con votazione minima di 18/30 è necessario che le conoscenze/competenze della materia siano almeno ad un livello elementare, sia per la prova progettuale che per quella orale. È attribuito un voto compreso fra 20/30 e 24/30 quando lo studente sia in grado di realizzare correttamente la parte progettuale e possegga competenze più che sufficienti nella parte teorica. È attribuito un voto compreso fra 25/30 e 30/30 quando lo studente sia in grado di svolgere correttamente la parte progettuale e dimostri buone competenze nella parte orale. Agli studenti che abbiano acquisito competenze eccellenti sia nella parte progettuale che in quella teorica può essere attribuita la lode.
Programma Wireless LAN
- Caratteristiche e Applicazioni
- Lo standard IEEE 802.11 e la sua evoluzione

Wireless PAN
- Bluetooth e lo standard IEEE 802.15.1

Reti ad hoc auto-organizzanti e comunicazioni multihop
- Mobile Ad-hoc NETworks (MANETs)
- Wireless MESH networks (WMNs) e lo standard IEEE 802.11s
- Wireless sensor networks (WSNs): Zigbee e lo standard IEEE 802.15.4

Esperienze di laboratorio su protocolli wireless
- Introduzione alla simulazione di reti wireless
- Introduzione al simulatore ad eventi discreti ns-3
- Simulazione di reti IEEE 802.11 e IEEE 802.15.1
- Simulazione di reti ad hoc e reti mesh
- Analisi dei protocolli di accesso wireless attraverso tool di debug quali Wireshark e Aircrack-ng
Testi docente Materiale didattico
- Lucidi preparati dal docente e altro materiale on line indicato
- B. Bing, “Wireless Local Area Networks”, John Wiley & Sons
- K. Sohraby, D. Minoli, T. Znati, “Wireless Sensor Networks: Technology, Protocols, and Applications”, John Wiley & Sons, 2007
- H. Labiod, H. Afifi, C. De Santis, “Wi-Fi, Bluetooth, ZigBee and WiMAX”, Springer

Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Codice insegnamento online non pubblicato

Modulo: Ingegneria del Web

Corso Ingegneria Elettronica
Curriculum ELETTRONICA PER LA BIOMEDICA
Orientamento Generale
Anno Accademico 2021/2022
Crediti 6
Settore Scientifico Disciplinare ING-INF/05
Anno Secondo anno
Unità temporale Primo semestre
Ore aula 48
Attività formativa Attività formative affini ed integrative

Canale unico

Erogazione 1000599 Ingegneria del web ed Applicazioni in Ingegneria Informatica e dei sistemi per le Telecomunicazioni LM-27 ROSACI DOMENICO
Docente Domenico ROSACI
Obiettivi Conoscenza e comprensione: Acquisizione delle nozioni fondamentali relative all'architettura ed alle principali tecnologie del World Wide Web. Acquisizione delle metodologie di progettazione SOA, e dell'uso dei patterns per gli e-Business. Comprensione delle principali tecnologie utilizzate nell'ambito delle Web Applications.
Capacità di applicare la conoscenza: Capacità di progettare e realizzare Web Applications utilizzando diverse tecnologie, quali Web services in ambiente AXIS, Javascript, PHP, Servlet, AJAX, HTML 5.
Autonomia di giudizio: per il superamento dell'esame lo studente deve rispondere autonomamente a domande teoriche, analitiche e progettuali a risposta libera ed è quindi portato a sviluppare autonomia di giudizio sulla completezza, la profondità e la correttezza delle risposte liberamente fornite.
Abilità comunicative: è in grado di illustrare le motivazioni teoriche e tecniche che sono alla base del Web e delle Web Applications.
Capacità di apprendimento: a seguito del superamento dell’esame, lo studente è in grado di apprendere in autonomia altre caratteristiche di base del Web e delle Web Applications.
La prova di esame consiste nella discussione di un elaborato progettuale relativo alla progettazione e conseguente realizzazione di una Web applications, e in un esame orale relativo ai vari argomenti trattati durante il Corso.
Allo studente che abbia svolto in maniera sufficientemente corretta l'elaborato progettuale, ed abbia dimostrato durante l'esame orale di possedere le conoscenze di base circa l'architettura del Web, è attribuito un voto compreso tra 18 e 24.
Se lo studente avrà svolto in maniera sufficientemente corretta l'elaborato progettuale, ed avrà dimostrato durante l'esame orale di possedere oltre alle conoscenze di base sul Web, anche sufficienti conoscenze sullo sviluppo di Web applications, gli sarà attribuito un voto compreso tra 25 e 27.
Allo studente che abbia svolto in maniera sufficientemente corretta l'elaborato progettuale, ed abbia dimostrato di possedere conoscenze particolarmente approfondite sul Web e sulle Web applications, sarà attribuito un voto tra 28 e 30.
Potrà essere attribuita la lode agli studenti che avranno meritato un voto pari a 30, distinguendosi per una realizzazione particolarmente accurata ed efficace dell'elaborato progettuale.
Programma Reti di Computer e Sistemi Distribuiti. Classificazione dei Sistemi Distribuiti. Distributed Object-Oriented Programming. Processi. Threads. Client and Server multi-thread. Socket. Implementare client e server in Java. Server multi-thread. Architetture per Sistemi Distribuiti. Architetture Level-based architectures, object-based, data-based, event-based. Architetture centralizzate e decentralizzate. Client-server model. Application levels. Software distribution. Architetture P2P. Chord. Process communication. Protocols, interfaces. Network architectures. Services. Modello ISO-OSI e Architettura TCP-IP. Remote Procedure Calling. Message-oriented communication. Naming. Naming types. Implementare un naming space. Domain Name Systems (DNS). Remote Method Invocation (RMI). Distributed programming in RMI. Il Web. Gli ipertesti- Three tier and four-tier models. Principi tecnologici del Web. Risorse e identificatori. URI. HTTP. Proxy. Web server. Apache web server. XML. Applicazioni XML. XML-Schema. HTML 5.

E-Business patters. SOA. Web Services: Introduzione. SOA e patterns per gli e-business. Supply Chain Management. I SOA steps: domain decomposition, goal-service model creation, subsystem analysis, service allocation, component specification, structuring components and services using patterns, technological implementation. Web services. Transport: HTTP, Java Message Service, SMTP, HTTPR. SOAP. Web Services Deploying. Progettare Web Services in Java con Apache SOAP. Axis. JWS. WS Client. Service description: XML, WSDL. Tools. Workflow. Workflow Management Systems. Business Process Modeling Notation (BPMN). Esempi di Workflow. Web Services e Workflow. Implementare Web Services in AXIS.

Web Applications: JavaScript, CGI, Perl, ASP, PhP.
Testi docente Tanenbaum, Van Steen. Sistemi Distribuiti. Pearson Italia.
Tidwell, Snell, Kulchenko: Programming Web Services with SOA. O’Reilly Publisher.
Endrei et al. Patterns: Service-Oriented Architecture and Web Services. IBM Redbooks.
Dispense del corso.
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Codice insegnamento online non pubblicato

Modulo: Materiali per la biomedica

Corso Ingegneria Elettronica
Curriculum ELETTRONICA PER LA BIOMEDICA
Orientamento Generale
Anno Accademico 2021/2022
Crediti 6
Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/22
Anno Secondo anno
Unità temporale Primo semestre
Ore aula 48
Attività formativa Attività formative affini ed integrative

Canale unico

Docente ANGELA MALARA
Obiettivi Il corso si propone di offrire una panoramica completa sui moderni materiali usati nell’ambito biomedico con specifici esempi applicativi. Le conoscenze acquisite dagli studenti saranno utili per identificare e classificare i vari materiali attraverso le loro proprietà e caratteristiche strutturali. Verranno acquisite le competenze per la scelta dei materiali per la realizzazione dei dispositivi biomedici e protesici, con particolare attenzione al loro impatto con il corpo umano.

La modalità d’esame consiste in una prova orale, volta ad accertare il livello di conoscenza e comprensione dei contenuti del corso. La valutazione è espressa in trentesimi e nella formulazione del giudizio finale si seguirà il seguente criterio:
Insufficiente: conoscenza insufficiente degli argomenti trattati durante il corso;
18-20: conoscenza elementare degli argomenti trattati durante il corso con presenza di lacune;
21-23: conoscenza completa degli argomenti trattati durante il corso anche se non particolarmente approfondita;
24-26: conoscenza buona degli argomenti trattati durante il corso, linguaggio tecnico adeguato;
27-29: conoscenza ottima degli argomenti trattati durante il corso, linguaggio tecnico adeguato e modo di esprimersi puntuale e preciso;
30-30 e lode: conoscenza eccellente degli argomenti trattati durante il corso con capacità di analisi e valutazioni critiche, linguaggio tecnico adeguato e modo di esprimersi puntuale e preciso.
Programma Le proprietà dei materiali metallici, polimerici e ceramici per la biomedica. Relazione tra struttura e proprietà.
Le proprietà delle principali strutture biologiche: tessuti duri e tessuti molli, pelle, ossa, muscoli, cartilagini.
I biomateriali e le interazioni con i sistemi biologici: definizione di tossicità, biocompatibilità e bioattività.
Applicazioni in campo chirurgico, cardio-vascolare, ortopedico, dentale, oftalmico.
Materiali per Biosensori e applicazioni. Biosensori potenziometrici, resistivi, elettrochimici, amperometrici, a impedenza.
Testi docente "Biological Materials and Biomaterials" in Foundations of Materials Science and Engineering, W.F. Smith, J. Hashemi; McGraw-Hill
Erogazione tradizionale
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Codice insegnamento online pubblicato. Per visualizzarlo, autenticarsi in area riservata.

Cerca nel sito

 

Posta Elettronica Certificata

Direzione

Tel +39 0965.1693217/3252

Fax +39 0965.1693247

Indirizzo e-mail


Protocollo

Tel +39 0965.1693422

Fax +39 0965.1693247

Indirizzo e-mail

Didattica e orientamento

Tel +39 0965.1693386/3385

Fax +39 0965.1693247

Indirizzo e-mail


Segreteria studenti

Tel +39 0965.1691475

Fax +39 0965.1691474

Indirizzo e-mail

Amministrazione

Tel +39 0965.1693214

Fax +39 0965.1693247

Indirizzo e-mail


Ricerca

Tel +39 0965.1693422

Fax +39 0965.1693247

Indirizzo e-mail

Social

Facebook

Twitter

YouTube

Instagram